Tendenze moda: animalier per l’inverno 2010

da , il

    Tantissime le tendenze per l’autunno-inverno 2009/2010, molte delle quali passeggere e che difficilmene ritroveremo il prossimo anno, come per esempio quella delle borchie, che campeggiano un po’ dappertutto, dai vestiti agli accessori. Un trend destinato invece a non morire mai è di sicuro quello dell’animalier, che ad ogni stagione ritorna sempre con grande successo. Moltissimi stilisti lo ripropongono a ogni collezione, come per esempio Roberto Cavalli e Dolce & Gabbana, di sicuro i più affezionati al maculato artistico, ma sempre più spesso ormai troviamo macchie e strisce zebrate sulle borse di un po’ tutti i marchi. Non ci credete?

    L’animalier è davvero un trend che non passa mai di moda, destinato a ringivanirsi con il passare delle stagioni. Chi l’avrebbe detto che ancora nel 2009 saremmo state a discutere sulla bellezza o sulla volgarità del maculato, del tigrato o del zebrato? Io, se avesi scommesso, avrei di sicuro perso.

    Eppure eccoci qua, a mostrarvi ancora una volta come i designer hanno deciso di seguire questo trend. E se andate a ripescare il post che avevamo dedicato a questa tendenza quasi un anno fa, non vi stupirete del fatto che molti degli stilisti che l’avevano seguita due stagioni fa non ci hanno pensato due volte a seguirla anche oggi.

    Parole che sono riferite prima di tutto a lui, il re dell’animalier, colui che non lesina a seguire questo trend nemmeno nell’arredamento di casa. Stiamo parlando naturalmente di Roberto Cavalli, che nella collezione autunno-inverno non ci ha pensato due volte a inserire alcuni modelli di shopping bag e bauletti con la famosissima stampa giaguaro, segno inconfondibile dello stile Cavalli.

    Acerrimi nemici dello stilista fiorentino e rivali soprattutto nell’uso dell’animalier sono Domenico Dolce e Stefano Gabbana, che anche quest’anno hanno fatto un uso copioso delle macchie sia nella collezione Dolce & Gabbana che in quella D&G, dove troviamo una Lily Bag in pony stampa ocelot con manici borchiati.

    Anche Anna Molinari è una delle affezionate dell’animalier, tanto da creare una collezione come quella di Blumarine per l’autunno-inverno 2009/2010, che illustra tutte le possibili combinazioni di colore della fantasia maculata. E nemmeno Valentino riesce a rinunciare a una stravagante borsa 360 in cavallino maculato.

    Non poteva mancare un marchio attento alle tendenze come Fendi in questa nostra panoramica: borse come la Marshmallow leopard-print shoulder bag, che trovate nella nostra gallery, è un chiaro esempio di come all’animalier difficilmente i marchi possano rinunciare. Come del resto fa anche Marc Jacobs, che dedica la linea Into the wild a questo trend, tra cui per esmpio anche un carinissimo porta notebook.

    Ma non solo macchie di leopardo o giaguaro.Ci sono designer infatti che non contenti realizzano borse disponibili sia nella versione maculata sia in quella zebrata. E’ il caso di Christian Louboutin, che ha disegnato della Maykimay Clutch una versione leopardata e una zebrata. Scelta simile è stata fatta anche da Jimmy Choo, che ha “sdoppiato” la Large Odette bag nelle versioni zebrata e maculata.

    Le strisce bianco-nere piacciono un po’ a tutti, da Matthew Williamson a Blugirl, ma soprattutto a Fendi, che con la Zucca Zebra Print Tote rivisita il famoso canvas logato con la doppia F in chiave selvaggia. Una scelta davvero irresisitibile!

    Foto da:

    www.style.it www.leiweb.it www.netaporter.com www.neimanmarcus.com www.saksfifthavenue.com