Louis Vuitton, campagna pubblicitaria primavera-estate 2010

da , il

    La campagna pubblicitaria di Louis Vuitton per la primavera-estate 2010 è stata sicuramente una delle più attese: primo perchè la collezione presentata a Parigi ha letteralmente spaccato a metà addetti ai lavori e appassionati, secondo perchè il nuovo advertising segna il passaggio da Madonna a Lara Stone. Un cambio della guardia che ha suscitato moltissime polemiche, anche se ancora non mi è chiaro se queste siano state alimentate apposta per creare suspence sulle campagne di Louis Vuitton e di Dolce & Gabbana, che ha scelto proprio Madonna come volto della collezione di quest’anno.

    Non capisco quanto ci sia di vero nelle polemiche che sono nate attorno alla scelta di Marc Jacobs per la testimonial della campagna di Louis Vuitton per la primavera-estate 2010, scelta ricaduta poi sulla top model Lara Stone.

    Da anni ormai Louis Vuitton si affida a testimonial molto famose, come per esempio Uma Thurman, Scarlett Johannson e ultima appunto Madonna, che prestano il proprio volto per al massimo due stagioni consecutive. Che c’è di strano se Louis Vuitton, dopo due stagioni, ha deciso di camhbiare testimonial?

    Oltretutto già quest’estate, ancora prima di vedere la nuova collezione, sapevamo che Madonna sarebbe stata la protagonista della campagna di Dolce & Gabbana, probabilmente ben prima che Marc Jacobs scegliesse Lara Stone. Quindi dove sta lo scandalo in tutto questo? Si parla di ricambio, tutti i marchi che conosciamo fanno una scelta di questo tipo, eppure nessuno grida allo scandalo!

    Se Madonna era indicata per presentare le due precedenti collezioni, di certo era inadatta per quella della p/e 2010, che già dalle passerelle si capiva che sarebbe stata rivolta a un pubblico più giovane. Ma ora basta con le polemiche, e parliamo piuttosto delle foto dell’advertising.

    Nelle foto, scattate da Steven Meisel, vediamo una bellissima Lara Stone mollemente adagiata su un prato, quasi come una moderna Venere, circondata da colombe e naturalmente dalle borse della nuova collezione.

    Tra le borse scelte per gli scatti, il cui styling è stato curato da Marie-Amélie Sauvé, troviamo alcune borse che già conosciamo bene, come per esempio la Neo della collezione Monogram Eden, la Bohemian della linea Monogram Cheche, una delle borse della collezione Monogram Denim e infine una misteriosa borsa in canvas Monogram, il cui nome dovrebbe essere Artsy.

    Lara Stone è una delle mie modelle preferite e credo che riesca a interpretare molto bene il mood della nuova collezione di Louis Vuitton che saprete bene non mi ha entusiasmato, ma trovo il set un po’ troppo artefatto e un po’ banale. Insomma, da un genio della fotografia come Steven Meisel mi sarei aspettata qualcosa di più originale.

    Foto da:

    seidimoda.repubblica.it

    www.nitrolicious.com