Le borse “Ethical Fashion Africa Project” di Vivienne Westwood in vendita su yoox.com

da , il

    Le borse “Ethical Fashion Africa Project” di Vivienne Westwood fanno parte della collezione autunno inverno 2011 2012 e le abbiamo viste in anteprima, per la prima volta, in occasione della sfilata Gold Label A/I 2011/2012 durante la Settimana della Moda di Parigi. Queste borse sono finalmente in vendita, le possiamo acquistare anche noi su yoox.com, il sito di shopping online tra i migliori al mondo che è disponibile anche per noi con un’apposita sezione in Italiano. Su yoox.com c’è una sezione apposita dedicata al mondo eco-fashion che si chiama YOOXYGEN e dove troverete anche le nuove borse di Vivienne Westwood.

    La capsule collection “Ethical Fashion Africa Project” di Vivienne Westwood è uno dei progetti a cui la celebre designer tiene di più, ne abbiamo parlato tante volte ma adesso tocca a noi, le possiamo acquistare proprio da queste mese su yoox.com, comodamente sedute da casa e con la sicurezza di un sito certificato e sicuro.

    La collezione, rispetto alle proposte viste nella sfilata, è più ampia ed abbiamo anche proposte per uomo, portachiavi, borsoni e shopper di vario tipo, tutti questi nuovi modelli sono stati fatti sempre usando materiali di riciclo come cavi elettrici, alluminio di scarto e sacchetti di plastica.

    Handmade with love” ovvero “fatta a mano con amore” a Nairobi è questo il motto del progetto eco fashion di Vivienne Westwood fatto in collaborazione con l’International Trade Centre (ITC), organo congiunto dell’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) e dell’Organizzazione Mondiale del Commercio (OMC) e con yoox.com dove la “Ethical Fashion Africa Project” è in vendita.

    Per creare queste borse sono state impiegate circa 7000 donne che hanno potuto lavorare, imparato un mestiere e hanno contribuito a far girare l’economia in un paese molto povero, inoltre utilizzando materiali di riciclo il progetto è votato anche alla salvaguardia della natura, punto su cui Vivienne Westwood insiste già da vari anni.