It Bag: Lowry Bag di Burberry

da , il

    Una delle borse più interessanti dell’inverno appena passato è stata senza dubbio la Lowry Bag di Burberry, una borsa dalle caratteristiche talmente particolari da poter essere chiamata a tutti gli effetti la it bag di Burberry.

    Ormai vi abbiamo mostrato davvero tantissime it bag, borse che sono riuscite a lasciare una traccia nell’effimero mondo della moda. Burberry è uno dei marchi più apprezzati da noi amanti di borse e naturalmente non poteva mancare in questa nostra rubrica.

    Sono moltissime le borse di Burberry, la trama check è diventata ormai un vero feticcio per le appassionate, ma devo ammettere che difficilmente una borsa di Burberry aveva ottenuto lo stesso riscontro della Lowry Bag.

    La Lowry Bag è una borsa che Burberry ha realizzato per la collezione autunno-inverno 2008/2009 e che fin dalle sfilate aveva colpito moltissimo giornalisti e blogger.

    E in effetti la Lowry Bag ha avuto un grande successo, tanto da essere di nuovo confermata per la collezione autunno-inverno 2009/2010, quella che vede come protagonista della campagna pubblicitaria Emma Watson.

    La Lowry Bag viene proposta in differenti misure. Le canoniche sono small, medium e large, ma vi è anche una versione tote. Quelle realizzate in materiali particolari, poi, hanno una dimensione ancora diversa.

    La Lowry Bag è stata proposta in tantissime varietà: da quella in alligatore color sabbia a quella dorata per la primavera, da quella in pelle rossa a cartucciera alla versione trapuntata grigia. Naturalmente i materiali sono tutti pregiati: si va dal vitello al coccodrillo, passando per il pitone.

    Come ogni it bag che si rispetti, anche la Lowry Bag ha mietuto delle vittime, come per esempio Eva Mendes, che ha scelto la Lowry Bag in pelle con inserti metallici ad anello.

    Dopo solamente un anno, la Lowry Bag si conferma una delle borse di Burberry più desiderate. Quante vittime farà nel 2010?

    Foto da:

    www.mondopelle.com

    www.style.it

    charlesrezandi.files.wordpress.com