Emporio Armani, campagna pubblicitaria primavera-estate 2010

da , il

    E’ una tecno-metropoli l’ambientazione della nuova campagna pubblicitaria di Emporio Armani per la primavera-estate 2010, che vede come testimonial la modella russa Anna Selezneva e il top model Sean O’ Pry, al secondo posto nel ranking mondiale dei modelli più quotati secondo il sito web Models.com. La collezione p/e 2010 di Emporio Armani, che aveva segnato il ritorno alle sfilate di Giorgio Armani, è stata bersaglio di moltissime critiche da parte della tembile cronista di moda dell’International Herald Tribune Suzy Menkes, che aveva accusato il re della moda italiana di aver disegnata una collezione per veline, forse ispirata dalle vicende che in estate avevano coinvolto Silvio Berlusconi.

    La campagna, firmata dal fotografo Mario Sorrenti, vede i due bellissimi modelli Anna Selezneva e Sean O’ Pry aggirasi in una metropoli le cui forme si sfladano grazie all’utilizzo di un set fotografico tutto a specchi, un trucco che rende sfuggenti le immagini di una città sempre in movimento.

    Nelgli scatti, riconosciamo alcuni dei “famigerati” abiti tanto criticati dalla giornalista di moda inglese Suzy Menkes, firma di punta dell’International Herald Tribune e tra le più temute, forse anche più di Anna Wintour, dagli stilisti.

    La collezione infatti, secondo la giornalista, era dedicata più a lolite o veline che a vere donne e sembrava quasi essere ispirata dai recenti scandali che avevano coinvolto il presidente del consiglio Silvio Berlusconi. Peccato che un’accusa di questo tipo potrebbe essere rivolta a moltissime altre collezioni che abbiamo visto sfilare, da Dior a Fendi fino a Jean Paul Gaultier, che hanno fato della lingerie a vista il motto per la p/e 2010.

    Nelle foto riconosciamo alcuni degli abiti corti e coloratissimi che caratterizzano la collezione, i mini shorts e soprattutto le borse, come la clutch a fiocco, della quale potete vedere anche un modello in anteprima, e una handbag rossa.

    Foto da:

    www.models.com