Borse Louis Vuitton: la Neverfull

da , il

    Le borse Louis Vuitton sono davvero un sogno per tante di noi…quante volte ci capita di incantarci di fronte a cotanta bellezza? Louis Vuitton, poi, sa sempre come accontentarci, regalandoci a ogni stagione tanti nuovi modelli. Era il 2007 quando nei negozi arrivò la Neverfull, una borsa destinata a far breccia nel cuore di molte.

    La Neverfull è una delle borse shopping più belle mai realizzate da Louis Vuitton. Entrata a far parte della collezione Monogram permanente nell’estate del 2007, si è ben presto fatta notare per le sue caratteristiche semplici ma allo stesso tempo uniche.

    Dalla forma trapezoidale, la Neverfull si riconosce subito per i laccetti che pendono da entrambi i lati, che grazie a un moschettone chiudono in maniera originale questa borsa.

    Realizzata in tela Monogram, la versione tradizionale della Monogram si declina in tre differenti misure, le tre canoniche misure di Louis Vuitton: la più grande GM (40cm x 33cm x 20cm), la media MM (32cm x 29cm x 17cm) e infine la più piccola PM (28,5cm x 22cm x 13cm).

    All’interno, la Neverfull nasconde una fodera in tessuto rigatoe finiture in vacchetta naturale, materiale utilizzato anche per i manici e per le cinghie laterali che permettono di modificare la capienza della borsa. Applicate alla fodera, tasca interna con zip e anello a D (per astuccio o portachiavi)

    La Neverfull diventa subito un successo, soprattutto in Italia, dove sia giovani che donne mature decidono di eleggerla come la propria borsa icona. La Neverfull in breve tempo diventa la borsa shopping di Louis Vuitton più venduta di tutti i tempi.

    La caratteristica principale della Neverfull è la sua capienza: oltre a poter contenere davvero di tutto, può sopportare un peso pari a 210 chilogrammi, pari al peso di un motorino!

    La Neverfull conosce ben presto anche altri canvas della tradizione Louis Vuitton, come per esempio il Damier, che viene riproposto proprio tra i modelli della collezione primavera-estate 2009. Il celebre tessuto inventato nel 1888 e che riprende il motivo dei famosissimi bauli nasconde al suo interno la tradizionale fodera rossa.

    Ma la Neverfull ha conosciuto anche l’estro di un designer che collabora frequentemente con Louis Vuitton. Stiamo parlando di Takashi Murakami, che ha colorato il canvas Monogram con il classico simbolo LV con i suoi simboli divertenti e creativi. Una borsa che ha subito colpito il cuore di Nicky Hilton.

    Quest’anno c’è invece voluto l’estro di Stephen Sprouse per trasformare la Neverfull in una borsa dall’appeal sempre più contemporaneo: le collezioni Roses e Graffiti hanno avuto un successo immediato!

    Ma non finisce qui: le proposte moda per la collezione primavera-estate, che vi abbiamo mostrato nel servizio fotografico “A woman’s journey”, prevedono anche l’esotica Neverfull in alligatore, un modello talmente prezioso che la sua wishlist è davvero impressionante.

    Molto esclusivo invece il modello realizzato appositamente per la boutique Louis Vuitton di Saint-Tropez, un vero sogno per collezionisti.

    Foto da:

    www.flickr.com

    louisvuittonlover.blogspot.com

    www.ilvoelv.com